Harman Kardon Citation A

L'Harman Kardon Citation A, per gli amanti del vintage audio, è un oggetto che gode di particolare fascino per essere stato il primo preamplificatore a stato solido della storia e che alla pari del mitico Marantz 7t, resta uno dei pre più musicali e piacevoli del panorama d'epoca. Costruzione di alta qualità, con sezioni modulari e separate per i 2 canali come si faceva allora per i prodotti di fascia alta, monta transistor al germanio nello stadio phono (dal suono assai melodioso, tra l'altro) e al silicio sulla linea. Nella costruzione e nel suono riprende, com'è comprensibile, l'assetto dei modelli a valvole precedenti e ne ricalca le caratteristiche principali. Oggi è un oggetto raro, ricercato, difficile da trovare in condizioni ancora intatte, quasi sempre quelli che si trovano sono stati restaurati con componenti moderni o comunque non d'epoca e a volte anche modificati; come avviene spesso per oggetti del passato, è molto diffcile stabilire come hanno vissuto e come sono stati adoperati e conservati nel tempo, parametri che influenzano pesantemente il loro rendimento attuale.
Come suonano al giorno d'oggi questi oggetti, rispetto al passato, è assai influenzato dalla loro storia individuale, da eventuali interventi di manutenzione che hanno subito e dal tempo di inattività, per questo non è facile dire se un'elettronica datata stia suonando oggi come faceva grossomodo ai suoi tempi oppure il comportamento è alterato da lunghi periodi di inattività e/o da interventi non conservativi. L'esemplare che ho fotografato appartiene ad un amico che lo acquistò conservato in ottimo stato cosmetico ma con una serie di problemi tecnici e alcuni interventi di riparazione pregressi; poichè volevamo riportarlo all'originale stato di splendore musicale e tecnico, abbiamo optato per un restauro rigorosamente conservativo, cancellando anche i vecchi lavori presenti e tenendo conto di quelli che sono i parametri originali. Per i condensatori (tutti gli elettrolitici) ho reperito degli ottimi componenti NOS con caratteristiche sonore equivalenti agli originali, mentre per i transistor al germanio sul phono ho rintracciato in Inghilterra dei Philips d'epoca con bulbo in vetro che erano tra i migliori in commercio. Alcuni resistori alterati invece sono stati sostituiti con altri sempre a impasto di carbone e rigorosamente coevi; la necessità di impiegare espressamente materiale d'epoca NOS in sostituzione, si rende necessario per non alterare il suono tipico dela macchina, che con materiale moderno verrebbe irreparabilmente compromesso, pur usando componenti migliori degli originali. Naturalmente la selezione dei componenti di ricambio è avvenuta avendo ben in mente la sonorità dei materiali originali e cercando tra quelli reperibili, quelli che la avvicinassero il più possibile.

1/1
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Google+ Icon

© 2018 by Gennaro Muriano - email murianoresearch@live.it